Si è insediato formalmente ed è operativo il tavolo di lavoro per la tutela e la salvaguardia ambientale del Distretto conciario della Campania. Il tavolo è stato attivato nell’ambito dell’accordo firmato nel settembre dello scorso anno fra la Stazione Sperimentale Pelli (SSIP) e il Distretto dell’Appennino Meridionale.
Azioni, metodologie, obiettivi e tempi delle attività di lavoro sono ora ben scanditi nel programma tecnico – economico – operativo – temporale (TEOT), previsto dall’intesa firmata tra i due enti.

 

L’Autorità̀ di Bacino Distrettuale e la Stazione Sperimentale Industria Pelli hanno predisposto d’intesa le azioni finalizzate alla tutela e alla salvaguardia ambientale, Nell’ambito della pianificazione, programmazione e gestione il Distretto ha individuato nel Bacino del Sarno un’area pilota sulla quale sperimentare, attraverso un approccio tecnico-scientifico e gestionale innovativo, il governo delle risorse nell’ottica della sostenibilità ambientale, sociale ed economica. La parte più̀ a nord del bacino Sarno è caratterizzata dalla presenza del distretto conciario di Montoro- Solofra che rappresenta circa il 14% delle attività manifatturiere dell’intera area, con più̀ di 100 aziende addette alla preparazione e alla concia del cuoio, fabbricazione di pelletteria. Ed è in questo distretto e specifico ambito territoriale che saranno attuate le azioni del programma TEOT. Un piano che intende essere un progetto pilota per il territorio replicabile in altre aree e contesti.

 

Il programma Tecnico, Economico, Operativo e Temporale (TEOT) rappresenta lo strumento per il raggiungimento degli obiettivi dell’intesa fra Stazione Pelli e Distretto dell’Appennino Meridionale, che prevede fra l’altro verifiche in termini di impatto ambientale sullo stato degli impianti e dei processi produttivi delle aziende del settore conciario che operano nell’area dei corpi idrici del Bacino del Fiume Sarno, ma anche la mappatura e schedatura degli impianti, la predisposizione di misure di un processo di certificazione o attestazione ambientale da erogare a favore delle imprese che operano nel sano e sostenibile sviluppo del territorio. L’ obiettivo è di sviluppare un’ azione in linea con il “Green Deal” europeo, avviando i processi di “transizione verde” prioritari nel Recovery plan, mediante un’azione di progettazione partecipata che con il contributo della PA, della comunità scientifica, del mondo industriale e del sistema della ricerca favorisca il passaggio dall’economia lineare a quella circolare.

 

Il programma delle attività è in continua evoluzione perché oggetto costante di monitoraggio, assestamenti e/o rimodulazioni per il raggiungimento degli obiettivi prefissati ed il successivo mantenimento degli standard di qualità ambientale, sociale e produttiva. La configurazione delle attività̀ e la loro evoluzione consentirà̀, laddove necessario, possibili azioni di sistema da mettere in campo anche mediante il supporto delle Istituzioni regionali, e nazionali interessate (MISE, MUR, MATTM, Regione Campania …) volte a migliorare il rapporto tra i sistemi industriali e il territorio e a sperimentare soluzioni innovative per lo sviluppo dei Distretti industriali “green oriented”.

 

“L’azione che abbiamo pianificato d’intesa con la Stazione Sperimentale Pelli focalizza l’attenzione su temi e questioni ambientali ma non solo, perché teniamo conto delle risorse naturali (acque e suolo) del loro uso, delle problematiche (frane, alluvioni, inquinamento, disordine territoriale) e soprattutto attenzionando le eccellenze naturali , antropiche, produttive Molteplici fattori come il suolo, il ciclo delle acque, gli alluvioni, il disordine territoriale – spiega Vera Corbelli, Segretario del Distretto dell’Appennino Meridionale. Stiamo costruendo una piattaforma per sviluppare azioni per dare, anche, risposte a tutti gli attori coinvolti nei processi di gestione e tutela ambientale, nel rispetto di quel necessario equilibrio “offerta territoriale/domanda ed sociale ed economica. Importante, altresì, sarà l’azione di informazione e divulgazione volta alla più ampia partecipazione delle imprese, delle amministrazioni, delle associazioni e dei cittadini.”

 

“Siamo di fronte ad una occasione straordinaria, ha detto Edoardo Imperiale, Direttore Generale della Stazione Sperimentale Pelli – il lavoro che abbiamo pianificato in relazione al nostro supporto scientifico nell’ambito dell’intesa con il Distretto dell’Appennino Meridionale rappresenta una grande opportunità per il territorio e per gli attori che operano e lavorano per la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile. Abbiamo la conoscenza scientifica e gli strumenti necessari per consolidare un percorso virtuoso di cooperazione tra gli attori pubblici e privati che insieme operano per uno stesso importante obiettivo”

 

Fanno parte del gruppo di lavoro l’ingegnere Nicola Andreanini, responsabile dell’impianto di depurazione Aquarno e dell’impianto Ecoespanso, e il dottore Aldo Gliozzi direttore dell’Associazione Conciatori di Santa Croce sull’Arno, che con la loro esperienza portano un forte contributo rappresentando il modello toscano. E Fabio Montagnaro, professore di Impianti chimici presso l’università Federico II di Napoli. Montagnaro insieme all’ingegnere Daniela Caracciolo della Stazione Sperimentale, stanno affrontando, in questo contesto, la problematica relativa al trattamento e alla valorizzazione di fanghi derivanti dall’industria conciaria, tal quali o parzialmente pre-essiccati, mirando alla riduzione del volume smaltito e al loro reimpiego come fonte energetica, con evidenti vantaggi sul piano sia ambientale che economico. L’obiettivo generale è l’inserimento di fanghi da lavorazioni conciarie in cicli virtuosi di valorizzazione, così come già dimostrato per altri rifiuti/sottoprodotti di natura biogenica o industriale, quali ad es. fanghi da depurazione civile, frazioni organiche da rifiuti solidi urbani (FORSU), residui da demolizione autovetture (c.d. “car-fluff” o ASR).

Scheda

Il Distretto dell’Appennino Meridionale concorre alla difesa, alla tutela e al risanamento del suolo e del sottosuolo, alla tutela quali–quantitativa della risorsa idrica, alla mitigazione e gestione del rischio indotto da fenomeni naturali, alla lotta alla desertificazione, alla tutela della fascia costiera ed al risanamento del litorale. Le attività di analisi, valutazione e programmazione si basano su un complesso ed integrato sistema di conoscenze delle caratteristiche geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche, idrologiche, idrauliche, geotecniche etc… del Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale. Tali conoscenze conducono alla realizzazione degli strumenti di pianificazione, programmazione e gestione relativamente alla gestione delle acque, del suolo e della fascia costiera e del sistema connesso.
La Stazione Sperimentale è un Organismo di ricerca nazionale di diritto pubblico, delle Camere di Commercio di Napoli, Pisa e Vicenza, riconosciuto ai sensi del Regolamento UE n. 651/2014 nelle materie della Chimica e Tecnologia Conciaria, opera a servizio della filiera conciaria, attraverso attività di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo, attività di certificazione di prodotti e/o processi produttivi, formazione, analisi e controlli, consulenza avanzata alle imprese, alle pubbliche amministrazioni ed Enti pubblici, documentazione e divulgazione scientifica ed iniziative orientate all’implementazione dello sviluppo dell’industria conciaria e dei settori utilizzatori di cuoio.

www.ssip.it
www.distrettoappenninomeridionale.it

 

 

Minimum 4 characters