Il Politecnico del Cuoio è un programma finalizzato a consolidare, sviluppare e divulgare la cultura tecnica del cuoio, e a rafforzare le competenze tecniche-organizzative.

Il Politecnico del cuoio cura la progettazione e la gestione di programmi di formazione ed è uno dei principali driver della Stazione Sperimentale per il rilancio della qualità del capitale umano per favorire la competitività del sistema produttivo conciario italiano, e diffondere la cultura tecnica e scientifica del cuoio e dei nuovi materiali, soprattutto ai giovani.

L’offerta didattica è rivolta da una parte alle aziende del comparto conciario, al fine di accrescere il know how interno; dall’altra alla nascita e al potenziamento di nuove figure professionali altamente specializzate, in coerenza con i reali fabbisogni delle imprese della filiera.

Il Politecnico è oggi anche un hub di opportunità, per le imprese e gli operatori della filiera. Si promuove infatti la partecipazione a progetti di carattere regionale e nazionale, sviluppando programmi di Industria 4.0 servizi di supporto allo sviluppo di idee di impresa di carattere innovativo nell’ambito dell’economia circolare.

LA FORMAZIONE

SSIP è un operatore pubblico riconosciuto dalla Regione Campania, che eroga servizi di istruzione e formazione professionale, e per questo inserito anche nell’elenco degli Organismi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione, pubblicato sul BURC n. 195 del 12/10/2020.

L’ ITS
Cosa è l'ITS

I percorsi hanno una durata biennale o triennale (4/6 semestri – per un totale di 1800/2000 ore).

Lo stage è obbligatorio per il 30% delle ore complessive e almeno il 50% dei docenti proviene dal mondo del lavoro. L’esperienza lavorativa in azienda può essere svolta con contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca.

Gli ITS permettono di acquisire un Diploma Tecnico Superiore con la certificazione delle competenze corrispondenti al V livello del Quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework).

Per favorire la circolazione in ambito nazionale ed europeo, il titolo è corre­dato dall’EUROPASS diploma supplement.

Cosa è l'ITS

I percorsi hanno una durata biennale o triennale (4/6 semestri – per un totale di 1800/2000 ore).

Lo stage è obbligatorio per il 30% delle ore complessive e almeno il 50% dei docenti proviene dal mondo del lavoro. L’esperienza lavorativa in azienda può essere svolta con contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca.

Gli ITS permettono di acquisire un Diploma Tecnico Superiore con la certificazione delle competenze corrispondenti al V livello del Quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework).

Per favorire la circolazione in ambito nazionale ed europeo, il titolo è corre­dato dall’EUROPASS diploma supplement.

Fondazione ITS Moda Campania - MIA

La Stazione Sperimentale è socio fondatore, insieme agli Istituti statali d’istruzione secondaria superiore “D’Este Caracciolo” di Napoli e “Gregorio Ronca” di Solofra, della Fondazione ITS Moda Campania, l’Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy-Sistema Moda, finanziato dal Fondo Sociale Europeo della Regione Campania. 

 

L’ITS rientra nelle attività formative del Politecnico del Cuoio su cui la Stazione sperimentale investe realizzando azioni a supporto di tutte le aziende italiane del settore conciario, mettendo al loro servizio non solo gli esiti delle sue attività di ricerca e sviluppo, di certificazione di prodotti e processi, di analisi e controlli, ma anche le sue migliori soluzioni per la formazione e la valorizzazione del capitale umano della filiera. 

Tre le edizioni per il primo biennio, per i territori di Napoli, Caserta e Solofra, con due corsi di formazione per oltre 50 gli studenti tra i 18 e i 35: 

 

Corso in “Moda 4.0: tecnico superiore esperto di processi manifatturieri avanzati e fabbricazione digitale”.

Biennio 2021 - 2023

Corso di“Tecnico superiore per il coordinamento dei processi di qualità, sostenibilità e innovazione tecnologica nella filiera dei prodotti in pelle” – Edizione di Pozzuoli  

 

Numero di iscritti: 23 

 

Durata: 1800 ore nel biennio 2021/2023 

 

Le lezioni sono iniziate lo scorso 8 novembre ed è finalizzato a formare la figura dell’Innovation Leather Manager, professionista impegnato nella ricerca e nello sviluppo di prodotti e processi sostenibili nella filiera dei prodotti in pelle con un approccio di filiera attento anche agli aspetti del recupero, dell’up-cycling, della nobilitazione. Oltre alle conoscenze dei materiali e dei processi produttivi nella tecnologia della pelle e ai processi di certificazione e assicurazione della qualità, il nuovo tecnico dovrà approfondire i temi legati alle conoscenze utili ad innovare tali processi attraverso la continua sperimentazione ecosostenibile nella produzione del prodotto in pelle finito, destinato al settore moda, con particolare riferimento ai principali comparti produttivi campani, calzatura, pelletteria e guanteria, anche attraverso l’introduzione di smart materials. 

 

Articolazione e durata del corso 

Il Corso biennale è gratuito e prevede una durata complessiva di 1800 ore suddivise in 1080 ore di aula e laboratori pratici e 720 ore di stage curriculare 

La docenza è affidata per almeno il 50% ad esperti di aziende del settore.  

Di seguito l’elenco delle Unità formativa e la loro articolazione in ore.  

Competenze tecniche in uscita 

 

L’Innovation Leather Manager svilupperà competenze di progettazione e coordinamento dei processi produttivi, controllo qualità e certificazione, monitoraggio di processo, innovazione di prodotto e di processo, nel rispetto dei principi dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale; saprà collaborare alla pianificazione di processi produttivi, partecipare alla individuazione di strategie di valorizzazione e comunicazione della produzione in pelle, nonché alla progettazione di nuovi materiali, con particolare riferimento all’utilizzo della pelle nei processi manifatturieri avanzati e nella fabbricazione digitale, sviluppando familiarità con l’impiego di “tecnologie abilitanti’ Industry 4.0, anche nell’ambito della simulazione, ottimizzazione e monitoraggio dei processi. Inoltre, svilupperà competenze trasversali di inglese, informatica, project management e problem solving.

Sbocchi professionali 

 

I diplomati ITS troveranno collocazione presso aziende della filiera pelle, in particolare presso produttori e utilizzatori di pelle per calzatura, pelletteria e guanteria di piccola, media e grande dimensione. Lo sviluppo di conoscenze specifiche, unitamente a quelle trasversali, consentirà una collocazione della figura professionale in uscita anche nelle divisioni Ricerca & Sviluppo, Sostenibilità, Controllo qualità, Product management, Innovation Management, oltre che nell’area di pianificazione strategica. 

Riaperto il bando per il nuovo corso ITS per "Tecnico superiore per il Coordinamento dei processi di qualità, sostenibilità e innovazione tecnologica nella filiera dei prodotti in pelle" - Annualità 2021-2023
ISCRIZIONI APERTE FINO ALLE ORE 12 DEL 2021

Il corso è finalizzato a formare la figura dell’Innovation Leather Manager per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi sostenibili nella filiera dei prodotti in pelle con un approccio di filiera attento anche agli aspetti del recupero, dell’up-cycling, della nobilitazione. Oltre alle conoscenze dei materiali e dei processi produttivi nella tecnologia della pelle, e ai processi di certificazione e assicurazione della qualità, il nuovo tecnico dovrà approfondire i temi legati alle conoscenze utili ad innovare tali processi attraverso la continua sperimentazione ecosostenibile nella produzione del prodotto in pelle finito, destinato al settore moda, con particolare riferimento ai principali comparti produttivi Campani, calzatura, pelletteria e guanteria, anche attraverso l’introduzione di smart materials.

Bando

Modulo per la domanda di ammissione

Biennio 2018 - 2020

Corso di “Tecnico superiore esperto in scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali”. – Edizione di Solofra  

Numero di diplomati: 10 

 

Durata: 1800 ore nel biennio  

 

I diplomati dell’ITS MIA, quali tecnici superiori esperti in scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali hanno unito le conoscenze teoriche delle materie di base alla loro applicazione pratica, esplorando soprattutto l’ambito della chimica e tecnologia conciaria, con approfondimenti sugli aspetti tecnici relativi alle caratteristiche prestazionali, merceologiche, di qualità e di sostenibilità del materiale, nonché sul processo produttivo e sui relativi aspetti di gestione idrica, energetica e di impatto ambientale.  

Corso “Tecnico superiore esperto in Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali” – Edizione Solofra

 

Corso "Tecnico superiore esperto in Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali" - Edizione Solofra

Gli obiettivi principali perseguiti con il corso di formazione Tecnico superiore esperto in Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali, di cui la Stazione Sperimentale ha il coordinamento didattico e scientifico, sono:

  • sviluppare competenze in materia di chimica e scienza dei materiali, soprattutto conciari, e ai relativi metodi di caratterizzazione, trasformazione e innovazione di prodotto e di processo, con particolare riferimento all’utilizzo della pelle nei processi manifatturieri avanzati e nella fabbricazione digitale;
  • formare figure specialistiche in grado di svolgere attività sia nei reparti di “Ricerca & Sviluppo”, ma anche di “Product management” e “Marketing e Comunicazione”, oltre che negli uffici di pianificazione strategica aziendale, presso aziende del comparto conciario di piccola, media e grande dimensione, e in aziende utilizzatrici di cuoio, sia di stampo tradizionale che innovativo;
  • rafforzare il territorio del distretto solofrano favorendo sempre più il rapporto tra il fabbisogno di competenze espresse dalle aziende della filiera e il mondo della scuola, dei formatori e delle istituzioni.

La Stazione Sperimentale è partner finanziatore della Fondazione Cosmo, che ha l’obiettivo di formare nuovi esperti nel coordinamento dei processi di progettazione, comunicazione, marketing e retail del prodotto calzatura, moda, oreficeria. Una scelta innovativa e metropolitana per i giovani che vogliono confrontarsi dinamicamente con i nuovi trend del ‘fashion system’, svolgendo una funzione di collegamento tra l’azienda e il consumatore, in continuo e stimolante equilibrio fra logica organizzativa e creatività.

Corso di Formazione Green Leather Manager - Fondazione ITS Cosmo Arzignano (VI)

Il corso è finalizzato a formare la figura del Tecnico Superiore per la ricerca sviluppo di prodotti e processi sostenibili nelle concerie e nelle aziende di prodotti chimici per la concia.

L’obiettivo è formare una figura professionale in grado non solo di conoscere i materiali e i processi produttivi nella tecnologia della pelle, ma anche innovare tali processi attraverso la continua sperimentazione sostenibile, valutando inoltre anche gli aspetti manageriali e commerciali del prodotto in pelle finito, destinato alla calzatura, alla moda, all’arredamento e all’automotive. Il corso è svolto presso Villa Brusarosco ad Arzignano, dove è stata istituita una sede del Politecnico del Cuoio.

Le attività sono svolte direttamente da parte della Fondazione Cosmo, è inoltre previsto un coinvolgimento della Stazione Sperimentale nelle docenze.Le attività formative si avvalgono delle nuove attrezzature presenti nella Conceria Sperimentale e nei laboratori dell’Istituto Galilei.

Formazione nelle scuole dei distretti conciari nazionali
Distretto di Arzignano (VI)
Programma formazione sperimentale nella Conceria Sperimentale presso l’Istituto ITTE Galileo Galilei di Arzignano

La collaborazione tra la Stazione Sperimentale e l’ITTE Galilei è nata a sostegno del distretto di Arzignano e degli studenti dell’indirizzo “Tecnologie del Cuoio” e degli studenti dell’its. Siglata nell’ambito del Politecnico del Cuoio, che ha una sede operativa anche presso l’istituto, l’obiettivo è rafforzare la collaborazione fra le parti per le attività di studio, ricerca e servizi alle imprese.

I principali obiettivi raggiunti sono:

  • percorsi formativia a cura della SSIP per gli studenti del III, IV e V anno dell’indirizzo “Tecnologie del Cuoio” dell’ITTE Galilei da svolgere con le nuove attrezzature presenti nella Conceria Sperimentale e nei laboratori dell’Istituto Galilei, di proprietà della Stazione Sperimentale e concesse in comodato d’uso gratuito all’istituto;
  • avvio di un laboratorio di prossimità della Stazione Sperimentale all’interno dell’istituto, per l’erogazione dei servizi alle imprese, quali analisi sul cuoio o prodotti chimici ed altre analisi non complesse per le aziende meno strutturate che necessitano di un maggior supporto
  • collaborazione alla gestione di progetti di ricerca on demand.

Modalità di realizzazione

Il programma sperimentale del Politecnico del Cuoio, combina una tecnologia d’avanguardia che consente di riprodurre i processi e le situazioni di lavoro di una moderna conceria ad un modello di formazione innovativa, coinvolgendo, difatti, docenti e studenti in un approccio “Learning by doing”. Con questa sperimentazione i giovani studenti delle classi dell’ITTE G. Galilei di Arzignano hanno l’opportunità di crescere e formarsi utilizzando tecnologie e processi al passo con i tempi del comparto conciario. Il risultato atteso di questa sperimentazione è la possibilità di inserimento immediato degli studenti nel mondo dell’industria delle pelli.

Programma del corso

Distretto di Santa Croce Sull’Arno (PI)
Implementazione Laboratori Innovativi presso l’Istituto C. Cattaneo di S. Miniato

La convenzione quadro sottoscritta nel giugno 2019 tra la Stazione Sperimentale e l’Istituto Cattaneo, di durata triennale, anche nell’ambito della collaborazione avviata con il Polo Tecnologico Conciario (PO.TE.CO.), è volta all’implementazione di nuovi laboratori innovativi, per favorire una migliore conoscenza pratica e tecnico-analitica degli studenti, che andranno a costituire il potenziale personale specializzato delle aziende della filiera conciaria. In particolare, in relazione all’implementazione di nuovi laboratori innovativi lo scopo è dotare l’Istituto di un laboratorio chimico di ultima generazione con attrezzature in grado di supportare attività di analisi e ricerca con particolare attenzione al settore conciario, in modo da permettere agli studenti di affrontare nel corso del loro piano di studi le problematiche e le procedure analitiche che caratterizzano il settore.

 

I ricercatori della SSIP avranno, allo stesso tempo, la possibilità di svolgere attività di ricerca all’interno dello stesso laboratorio e, di conseguenza, di fare attività di disseminazione culturale nei confronti degli studenti. SSIP diventerà così un interlocutore riconosciuto e privilegiato delle nuove generazioni di professionisti del settore conciario.

I nuovi laboratori saranno operativi ad inizio 2021

Formazione ad enti pubblici
Dipartimento di Management dell'Università degli Studi di Roma "Sapienza"

Continua la collaborazione di SSIP con il Dipartimento di Management dell’Università la Sapienza di Roma che, nell’ambito di un accordo di collaborazione quadro, ha commissionato alla Stazione, per il quarto anno consecutivo, il Corso di Scienze Merceologiche – Corso Speciale di Merceologia e Chimica Applicata – Sezione Cuoi.

 

Il Corso, dedicato agli ufficiali delle forze armate, si compone di due moduli da svolgersi in parte presso la Sapienza e in parte presso la nuova sede della Stazione Sperimentale:

  • il modulo di Scienze Merceologiche si articola in 40 ore
  • il modulo di Merceologia e Chimica Applicata si articola in 60 ore

 

I principali obiettivi del corso di formazione sono:

  • la conoscenza del processo conciario e delle relative fasi di lavorazione;
  • La conoscenza delle caratteristiche tecniche e merceologiche del materiale, nonché dei requisiti previsti dalle normative di settore e dai capitolati tecnici.
Sistema Camerale Servizi

L’attività di formazione è stata richiesta dal Sistema Camerale Servizi per attività di formazione per la vigilanza dei prodotti “cuoio, pelle, pelliccia” in relazione alla nuova legge DECRETO LEGISLATIVO n. 68 del 9 giugno 2020 su “Nuove disposizioni in materia di utilizzo dei termini «cuoio», «pelle» e «pelliccia» e di quelli da essi derivati o loro sinonimi e la relativa disciplina sanzionatoria, trasformato in legge lo scorso 24/10/2020.

Attività di formazione On Demand alle imprese

Le attività di formazione on demand, realizzate dal Politecnico del Cuoio sono tarate sulle reali esigenze del cliente.

Le attività vengono svolte sia presso la sede del cliente, su tutto il territorio nazionale, sia presso il nuovo headquarter della Stazione Sperimentale, dotato di nuove aule di formazione e innovativi laboratori, messi a servizio anche delle attività di formazione, sia via web.

I principali obiettivi di questa attività formativa sono:

  • Conoscenza del processo conciario;
  • Ottimizzazione operativa del processo e manutenzione delle apparecchiature;
  • Conoscenza della peculiarità delle caratteristiche dei cuoi ottenuti con diverse lavorazioni e dei difetti di lavorazione;
  • Conoscenza dei capitolati e delle principali prove fisiche;
  • Supporto nella risoluzione di problematiche riscontrate dal cliente nel processo di lavorazione della pelle.
PROGRAMMA DI
DIVULGAZIONE SCIENTIFICA

Nell’ambito delle attività del Politecnico del Cuoio è stato predisposto un programma di divulgazione scientifica presso le sedi operative della SSIP e webinar attraverso workshop formativi nell’ambito dei quali verranno illustrate soluzioni tecnico-scientifiche connesse a specifici fabbisogni aziendali e saranno proposti alle aziende conciarie e agli utilizzatori del cuoio nuovi modelli di approccio all’innovazione ed al trasferimento tecnologico.

L’attività di Divulgazione Scientifica si avvale dell’utilizzo di diversi strumenti di comunicazione per mettere in luce possibili soluzioni tecnico-scientifiche connesse a specifici fabbisogni aziendali, proponendo alle aziende conciarie e agli utilizzatori del cuoio nuovi modelli di approccio all’innovazione ed al trasferimento tecnologico.

 

Il programma di divulgazione scientifica riguarda specialmente i progetti di ricerca che hanno come contesto applicativo:

  • la ricerca di base, incentrata nelle materie della chimica e tecnologia conciaria e finalizzata allo studio delle trasformazioni in atto durante la lavorazione conciaria e alla comprensione dei meccanismi di interazione della pelle con l’ambiente circostante;
  • la ricerca applicata e sperimentale, che riguarda sistemi di produzione a minor impatto ambientale e maggiormente rispondenti alle esigenze del mercato, comprese le tematiche inerenti alla tutela dei consumatori, lo studio di sistemi di contenimento delle emissioni (riciclo delle acque, abbattimento solventi etc), la valorizzazione dei rifiuti solidi (fanghi, ritagli di pelle) derivanti dalla lavorazione conciaria.
RETI, TRASFERIMENTO TECNOLOGICO
E INDUSTRIA 4.0

La SSIP, attraverso il Politecnico del Cuoio, è presente nei luoghi di confronto e di lavoro per lo sviluppo di nuove progettualità su rete regionale, nazionale ed europea, e nei Cluster del MIUR.

Cluster Tecnologici Nazionali del MIUR Made in Italy

Il Cluster intende supportare la crescita economica e sostenibile nei settori di sua competenza legati al Made in Italy, operando in coerenza alle agende strategiche comunitarie e avendo particolare attenzione ai territori del Mezzogiorno.

SSIP è uno dei soci del Cluster SPRING, che intende mettere a sistema soggetti innovativi attivi per lo sviluppo dell’intera filiera della chimica verde al fine di approdare a una nuova bioeconomia. Aderire al Cluster SPRING significa poter attivare progetti di Ricerca, Sviluppo e Innovazione in collaborazione con primari attori della bioeconomia italiana, contribuire alla creazione di nuove filiere agro-industriali integrate, partecipare all’implementazione della strategia italiana sulla bioeconomia.

Link:

Campania Digital Innovation Hub

L’obiettivo del Campania DIH è creare una comunità collaborativa incentrata sulle tecnologie digitali e sui nuovi modelli di business in grado di migliorare la competitività delle imprese, indirizzandole verso i partner che possono aiutarle durante il percorso di trasformazione digitale. Un’attenzione particolare è rivolta alle PMI, che talvolta hanno difficoltà ad identificare le loro criticità o le potenzialità o a raggiungere i provider di innovazione. La vision del Campania DIH è la creazione nella Regione Campania di una innovativa rete di collaborazione tra Industrie, Centri di Ricerca e altri attori istituzionali per la realizzazione del nuovo paradigma Industry 4.0.

Link: http://www.campaniadih.it/

Contratto di rete AIRES -Toscana

Aires è un contratto di rete tra leader di settore all’insegna dell’innovazione: 4 soggetti insieme per lo sviluppo dell’economia circolare toscana al fine di sviluppare progetti in materia di economia circolare e sostenibilità ambientale ed energetica, presentando idee di innovazione e ricerca.

Link:
https://www.greenreport.it/news/economia-ecologica/nasce-aires-14-soggetti-insieme-per-lo-sviluppo-delleconomia-circolare-toscana/

Campania Innovative Leather to Sustainable Industry

La SSIP ha avviato una progettualità finalizzata promuovere una strategia di sviluppo della filiera della pelle regionale orientata alla sostenibilità, all’innovazione ed alla economia circolare.

Nella prospettiva di sviluppo di un’economia al contempo sostenibile e competitiva, l’obiettivo strategico è quello di attivare meccanismi innovativi di collaborazione per progettare, sviluppare e gestire, in una logica meta-distrettuale, percorsi di sviluppo industriale innovativo e sostenibile, finalizzati a nuovi modelli di business.

L’obiettivo è l’efficiente connessione tra il sistema dei servizi ambientali e quello della manifattura, condividendo programmi comuni per abbattere i costi di approvvigionamento di materie da impiegare nei processi produttivi e i costi di gestione dei materiali di risulta.

Il fine del contratto di rete è incrementare la qualità delle produzioni e servizi grazie all’innalzamento di standard tecnologici più sostenibili ed investire sempre più nell’innovazione tecnologica, per abbattere i costi nel ciclo di smaltimento, riciclo e recupero di materie.

Per realizzare questa strategia, in sinergia con attori nazionali e regionali, è stato costituito un Contratto di Rete con la partecipazione in qualità di proponenti di 14 imprese della filiera. Sono in fase di adesioni ulteriori 8 aziende della filiera campana.

Il Contratto di Rete, ha anche l’obiettivo di favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo di filiere e poli di specializzazione, il riposizionamento competitivo dei tradizionali settori produttivi e l’attrazione degli investimenti esteri, attraverso la creazione di reti di imprese e la promozione di investimenti in ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Contatti di settore

Serena Iossa

Responsabile Area Politecnico del Cuoio
e-mail: s.iossa@ssip.it

Claudia Florio

Coordinatore
scientifico

e-mail: c.florio@ssip.it

Marco Nogarole

Responsabile Trasferimento Tecnologico
e-mail: m.nogarole@ssip.it

Si comunica che, in ottemperanza al Decreto-Legge 21 settembre 2021 n.127, dal 15 ottobre e fino al 31 dicembre 2021, per l’accesso agli uffici della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli, gli ospiti sono tenuti a possedere ed esibire Green Pass in corso di validità.

Minimum 4 characters