Pubblicato su CPMC 03/2020

 

Il Laboratorio di Prove Fisiche per la perfomance dei prodotti assicura e svolge le attività di analisi di caratterizzazione merceologica e meccanica del cuoio finalizzate a determinare la qualità della materia prima e le relative prestazioni in ragione dei mercati di riferimento (calzature, abbigliamento, guanti, automotive e arredamento). In particolare nel Laboratorio sono effettuate tre tipologie principali di prove: Meccaniche, Fisiche e di Solidità. Le determinazioni di natura Meccanica sono effettuate tramite l’utilizzo di un Dinamometro, ossia di un’apparecchiatura che determina l’entità di una forza ad esso applicata, e le conseguenti deformazioni del materiale. Con tale apparecchiatura è quindi possibile determinare caratteristiche quali la Resistenza alla trazione, l’Allungamento alla rottura e la Resistenza allo strappo, ed altre che sono alla base per valutare l’idoneità di un pellame ad essere trasformato nel manufatto desiderato.

Le prove di natura Fisica sono normalmente effettuate tramite specifiche apparecchiature, e sono orientate a determinare caratteristiche quali la Resistenza all’acqua, l’Impermeabilità, la Resistenza alla Flessione correlate quindi ai requisiti connessi all’uso del materiale nel prodotto finale. Anche per queste caratteristiche sono quindi previsti requisiti nelle normative tecniche di settore.

 

Rispetto a quest’ultime è da sottolineare che le caratteristiche fisiche che possono richiedersi, sono specifiche per la destinazione d’uso del prodotto; ad esempio solo per i cui per Automotive è spesso richiesta la determinazione del Fogging, così come i test di Resistenza all’acqua e di Impermeabilità sono specifici, per apparecchiature e condizioni operative richieste anche per componenti diversi delle Calzature. Le prove di Solidità, infine, hanno per obiettivo la valutazione delle variazioni di colore e/o degli effetti superficiali sui campioni di pelle, per effetto di diverse sollecitazioni, quali ad esempio quelle di Strofinio tramite Veslic, quelle derivanti dall’esposizione alla Luce tramite Xenotest o a condizioni di Invecchiamento accelerato. Rispetto a quest’ultima tecnica, nel Laboratorio possono essere riprodotte tutte le condizioni di Invecchiamento artificiale tramite utilizzo di stufe e Camere Climatiche appositamente predisposte per poter effettuare le sollecitazioni sia su piccoli pezzi di pelle che su manufatti di grandi dimensioni quali i cruscotti di un automobile. Poiché, per tutte le prove sopra indicate, è importante anche il condizionamento preliminare dei provini da sottoporre a prova, nonché il controllo delle condizioni ambientali, il Laboratorio è dotato di autonomo sistema di condizionamento che garantisce l’applicazione delle condizioni standard richieste dai metodi di prova. Il Laboratorio di Prove Fisiche fornisce pertanto un supporto fondamentale per la valutazione delle performance e delle caratteristiche prestazionali del materiale cuoioso, non solo per i Servizi Analitici della Stazione, ma a supporto di tutte le attività di Ricerca, Consulenza Merceologica e di Certificazione di Prodotto/Processo. A tal fine risulta fondamentale l’apporto che deriva dal Laboratorio per la definizione e l’esecuzione di Protocolli Tecnici ad hoc, che possono basarsi sulla combinazione delle tipologie di prove, ovvero al monitoraggio delle caratteristiche fisiche e meccaniche, a seguito di sollecitazioni tipiche delle prove di solidità, al fine di prevedere la durabilità e l’efficacia nel tempo di un processo o di un’applicazione innovativa al materiale cuoioso.

 

Il Laboratorio di Prove Fisiche per la Perfomance dei prodotti

 

Principali Apparecchiature
• Dinamometro a colonna
• XENOTEST ALPHA
• Camera Climatica da 1.500 L
• Camera Climatica da 250 L
• Abrasimetro Martindale Tester
• Abrasimetro Taber
• Flessimetro
• Permeametro
• Impermeabilità Dinamica
• Impermeabilità del Cuoio Suola

 

Supporto ai Servizi
• Test di laboratorio e misurazioni
• Pareri e capitolati
• Certificazione di prodotto e di processi produttivi
• Custom innovation
• Normazione tecnica

 

Supporto alle Tematiche di Ricerca
• Tecnologie di processo
• Sviluppo prodotto

 

A cura di Maria Scotti, Tecnico di Laboratorio Stazione Sperimentale Pelli

 

Vuoi ricevere la copia di CPMC? Iscriviti QUI per leggere la rivista ufficiale della Stazione Pelli e non perderti i prossimi numeri.

 

Minimum 4 characters