Letture presso la Biblioteca

“Il cuoio, materiale resiliente” osservato dall’Istituto Centrale per il Restauro (Mibact)
“Il cuoio, materiale resiliente” osservato dall’Istituto Centrale per il Restauro (Mibact)

◊ Letture presso la Biblioteca della Stazione Sperimentale Pelli ◊

 

Evento: Notte Europea dei Ricercatori 2020

 

 

Istituzione: Istituto Centrale per il Restauro (Mibact)

Coordinamento: Serena Di Gaetano

 

L’Istituto Centrale per il Restauro – organo tecnico del Ministero per i beni e le attività culturali specializzato nel campo del restauro e della conservazione delle opere d’arte e del patrimonio culturale – ha aderito all’edizione 2020 della Notte Europea dei Ricercatori nell’ambito del progetto proposto da Frascati Scienza sul tema della Resilienza. 

I contributi, a carattere multidisciplinare, sono stati realizzati per l’evento in forma virtuale, a causa dell’emergenza Covid-19. La presentazione dal titolo “Il cuoio, materiale resiliente” è stata realizzata con l’intento di dare rilievo anche all’attività svolta dall’ICR nel campo dello studio e della conservazione dei manufatti in cuoio.

La prima parte del video introduce alla struttura della pelle, alla sua composizione chimica e ai modi in cui è possibile prolungarne la vita, trasformandola nel materiale resiliente cuoio attraverso reazioni chimiche che ne stabilizzano la struttura. Vengono portati ad esempio alcuni casi di studio di manufatti in cuoio, anche di epoca molto antica, che ne dimostrano l’eccellente durabilità nel tempo. 

La seconda parte affronta l’evoluzione della tecnologia conciaria come processo resiliente, che a partire dallo sfruttamento delle risorse locali, ha consentito all’uomo di mettere a punto materiali e metodi ed ottenere un prodotto estremamente versatile, ancora oggi insostituibile per le sue proprietà. Sono illustrate le caratteristiche dei principali tipi di conciati – all’allume, all’olio e al vegetale – e le diverse tecniche di lavorazione e decorazione che hanno permesso di realizzare una grande varietà di manufatti, oggi in parte dimenticati, con esiti suggestivi e pregevoli anche dal punto di vista estetico.

Si mostra infine come attraverso il restauro sia possibile approfondire la conoscenza di questi straordinari manufatti e recuperarne, almeno in parte, le caratteristiche originarie, danneggiate da eventi traumatici, antropici e ambientali.

 

Parte 1   La trasformazione della pelle in cuoio, materiale resiliente.

Autore: Marcella Ioele (ICR, Laboratorio di chimica)

 

Parte 2   Trasformazione e invenzione: pelle e cuoio nella vita quotidiana, nell’arte, nel restauro.

Autori: Anna Valeria Jervis, Mariabianca Paris (ICR, Laboratorio di restauro manufatti in cuoio)

 

Le altre pubblicazioni dell’ICOM-CC (International Council of Museum-Committee for Conservation) e gli atti dei convegni trienniali inerenti la conservazione dei manufatti in cuoio, il restauro, la diagnostica e la ricerca sono disponibili presso la nostra Biblioteca

 

Sede Biblioteca 

Stazione Sperimentale per I’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti srl – c/o Comprensorio Olivetti
Via Campi Flegrei, 34 • 80078 Pozzuoli (NA) –  per consultazione è gradito appuntamento  ai seguenti recapiti – tel: 081 597 91 12  e-mail: c.grosso@ssip.it

 

La guanteria e la scuola tecnica per la concia delle pelli a Napoli – 1885
La guanteria e la scuola tecnica per la concia delle pelli a Napoli – 1885

◊ Letture presso la Biblioteca della Stazione Sperimentale Pelli ◊

 

Dall’archivio storico-tecnico del Centro Documentazione

 

Giornale a stampa periodica: Il conciatore corriere del commercio e dell’industria del cuoio

Organo ufficiale dell’Associazione dei Conciatori Italiani – Presidente Ferdinando Martinolo

 

Contents: Torino, 1 gennaio 1885 – ANNO II – Periodico in uscita 1° e 16° di ogni mese

 

Varietà

A Napoli si sta studiando il modo di dare un pò di vita all’industria , anche per dare un’occupazione alle migliaia e migliaia di persone pressochè costantemente disoccupate. Quella Camera di commercio sarebbe intenzionata d’impiantarvi una pelletteria per la lavorazione delle pelli per guanti, ed a questo scopo votó un sussidio di lire 3,000 annue da assegnare per un dato tempo alla casa che impianterà questa fabbricazione. Scopo di questa largizione è quello d’abilitare lavoranti a questo genere d’industria, altra volta in fiore, ed ora così scaduta da non poter sostenere alcuna concorrenza. Col tempo il nostro Governo capirà forse l’importanza che deve avere in Italia l’industria delle pelli, e forse … si deciderà almeno a non incepparne lo sviluppo..

 

 

 

Contents: Torino, 21 febbraio 1885 – ANNO II – Periodico in uscita 1° e 16° di ogni mese

 

Camera di commercio di Torino

La benemerita Presidenza dell’Associazione dei Conciatori, avendo presentato alla nostra Camera di commercio una elaborata Memoria riflettente lo sviluppo della Conceria italiana e la istituzione in Torino di una Scuola tecnica speciale, diretta al miglioramento della pelletteria , ebbe dal Vice presidente di detta Camera la seguente lettera di risposta, che siamo ben lieti di pubblicare:

 

«Ringrazio vivamente V.S. Ill.ma di avermi trasmesso, colla nota a margine distinta, importanti schiarimenti sullo scopo e sviluppo di codesta benemerita Associazione, nonchè varii lavori da essa compiuti. Anzi a tale riguardo mi permetto di soggiungere che questa Camera, la quale possiede una Biblioteca, sarebbe lietissima di possedere non solo quegli opuscoli che di tratto in tratto possano venire stampati da codesto Sodalizio, ma di ricevere regolarmente il giornale “Il conciatore”…..

Quanto alla Scuola tecnica per la concia di pelli, mi son fatto premura di scrivere in proposito al Ministero esponendogli le giuste osservazioni contenute nella lettera contrassegnata di V.S. Ill.ma. E fattogli presente come, nella recente Esposizione nazionale, coloro fra li conciatori che maggiormente si distinsero fossero pressochè tutti in Torino, si abbia a fondare una Scuola simile a quella progettata per Napoli, essendo giusto ed equo che là ove un’industria dà i migliori risultati, il Governo si dimostri largo nell’aiutarne sempre più l’efficace svolgimento con quei mezzi che valgano ad assicurarle un florido avvenire…Il Vice-Presidente G. Peyrot»

 

 

Questa pubblicazione sotto forma di e-book può essere consultata presso la nostra Biblioteca

 

Sede Biblioteca 

Stazione Sperimentale per I’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti srl – c/o Comprensorio Olivetti
Via Campi Flegrei, 34 • 80078 Pozzuoli (NA) –  per consultazione è gradito appuntamento  ai seguenti recapiti – tel: 081 597 91 12  e-mail: c.grosso@ssip.it

 

 

 

Libro: La rivoluzione comincia da tuo armadio
Libro: La rivoluzione comincia da tuo armadio

◊ Letture presso la Biblioteca della Stazione Sperimentale Pelli ◊

 

Quello della moda etica è un fenomeno cresciuto lentamente, anche se oggi la consapevolezza di quanto l’industria tessile possa essere impattante sull’ambiente e in alcune zone sfruttare la manodopera più povera è sempre più diffusa….

 

Libro: La rivoluzione comincia dal tuo armadio

 

Autori: Luisa Ciuni – Marina Spadafora

 

Editore: Solferino Libri
ISBN:
978-88-282-0368-1
Edizione: 2020
Pagine:
160

 

Luisa Ciuni e Marina Spadafora intrecciano le loro voci – di giornalista e di stilista militante – per raccontare l’avvento del fast fashion e le conseguenze del low cost, la bulimia dei consumi e le conseguenze dello spreco, le nuove schiavitù, l’esaurimento delle risorse.

Eppure, l’innovazione tecnologica apre strade ecologiche, modelli di economia circolare consentono di sposare profitto ed equità e tra i Millennial si va affermando una spiccata sensibilità per la green fashion. Se è vero che la rivoluzione inizia dal nostro armadio, saper discernere tra ciò che è sostenibile e no è il primo irrinunciabile passo per garantire un futuro ai nostri figli e al nostro pianeta.

 

Sede Biblioteca

 

Stazione Sperimentale per I’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti srl – c/o Comprensorio Olivetti
Via Campi Flegrei, 34 • 80078 Pozzuoli (NA) –  per consultazione è gradito appuntamento  ai seguenti recapiti – tel: 081 597 91 12  e-mail: c.grosso@ssip.it

 

 

 

Pelli e calzature tra metal-free e circular economy
Pelli e calzature tra metal-free e circular economy

◊ Letture presso la Biblioteca della Stazione Sperimentale Pelli ◊

 

Rivista di settore: Tecnica calzaturiera    

 

E’ stato pubblicato il primo numero 2021 della rivista italiana dedicata alla Calzatura  

 

Tecnica Calzaturiera è una vetrina sempre aperta sull’innovazione di prodotto e di processo

Minimum 4 characters