notizia per politecnico

Nuovo impulso alla Ricerca con l’accordo tra Politecnico Calzaturiero e SSIP
Nuovo impulso alla Ricerca con l’accordo tra Politecnico Calzaturiero e SSIP

Vigonza, 21 dicembre 2020 – La ricerca sulla filiera della pelle nel settore calzaturiero riceve nuovo impulso.

Il Presidente del Politecnico Calzaturiero della Riviera del Brenta Franco Ballin e il Direttore della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle materie concianti (SSIP) Edoardo Imperiale

Prorogato il Bando per il nuovo Corso ITS per Leather Innovation Manager – Nuova scadenza 30/04/2021
Prorogato il Bando per il nuovo Corso ITS per Leather Innovation Manager – Nuova scadenza 30/04/2021

Prorogato il Bando per il nuovo Corso ITS per “TECNICO SUPERIORE PER IL COORDINAMENTO DEI PROCESSI DI QUALITÀ, SOSTENIBILITÀ E INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA FILIERA DEI PRODOTTI IN PELLE – Annualità 2020-2022 

Il corso è finalizzato a formare la figura dell’Innovation Leather Manager per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi sostenibili nella filiera dei prodotti in pelle con un approccio di filiera attento anche agli aspetti del recupero, dell’up-cycling, della nobilitazione. Oltre alle conoscenze dei materiali e dei processi produttivi nella tecnologia della pelle, e ai processi di certificazione e assicurazione della qualità, il nuovo tecnico dovrà approfondire i temi legati alle conoscenze utili ad innovare tali processi attraverso la continua sperimentazione ecosostenibile nella produzione del prodotto in pelle finito, destinato al settore moda, con particolare riferimento ai principali comparti produttivi Campani,  calzatura, pelletteria e guanteria, anche attraverso l’introduzione di smart materials.

A seguito della proroga del bando, le domande di ammissione devono essere presentate entro e non oltre il 30/04/2021 alle ore 12:00.

Scarica il bando
Scarica il modulo per la domanda di ammissione

Leather Innovation Challenges 2025 – al via la Call For Proposal della SSIP
Leather Innovation Challenges 2025 – al via la Call For Proposal della SSIP

Come già annunciato durante il Bioeconomy Day del 24 settembre, la SSIP è pronta a lanciare una nuova sfida: Leather Innovation Challenges 2025.

Un programma fatto di visione, soluzioni innovative e sinergia produttiva al fine di migliorare ulteriormente i sistemi di produzione industriale della filiera.

Con circa 1200 imprese ed oltre 18mila addetti infatti, l’Industria Conciaria Italiana è già uno storico e consolidato esempio di economia circolare, in quanto sottrae un’ingente quantità di scarti dell’industria della macellazione, riducendo notevolmente l’impatto ambientale e creando un prodotto nobile dalle caratteristiche tecniche e prestazioni di altissimo livello che si mantengono nel tempo.

A supporto di queste imprese nasce Leather Innovation Challenges 2025, l’ultimo strumento proposto dalla SSIP, progettato e realizzato per fornire alle imprese del settore nuove traiettorie tecnologiche per il quinquennio 2020-2025.

Con questo programma, la SSIP intende avviare una selettiva attività di scouting di tecnologie e soluzioni innovative, finalizzata all’avvio di partnership per l’avvio di Progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale, per lo Sviluppo di Start-Up tecnologiche e la realizzazione di prototipi in ambito industriale 4.0, nei seguenti ambiti di interesse:

INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Nuovi materiali, molecole e tecnologie e per la produzione di nuove famiglie di pelli innovative, sia in relazione ai processi di lavorazione impiegati, sia rispetto alla capacità di soddisfare contestualmente una serie di fabbisogni di innovazione e sostenibilità.

ECONOMIA CIRCOLARE E SOSTENIBILITÀ

Soluzioni innovative che consentano la progettazione di strategie di valorizzazione degli scarti derivanti dall’industria conciaria, nonché degli scarti provenienti dalla filiera della lavorazione della pelle.

INDUSTRIA 4.0 E LEATHER SMART FACTORY

Soluzioni che introducano nuovi processi e metodologie dell’industria 4.0 per la lavorazione della pelle; nello specifico, di particolare interesse risultano gli approcci volti ad implementare l’automazione di processo, il controllo da remoto e l’introduzione di tecnologie smart per il monitoraggio della produzione conciaria, nell’ottica di ottimizzare il processo produttivo, favorire condizioni di risparmio idrico ed energetico,  e minimizzare l’impatto che le produzioni possono avere sulla salute dei lavoratori e sull’ambiente.

La call è aperta a tutti i soggetti pubblici e privati interessati a promuovere soluzioni tecnologiche e progettualità avanzate.

Per maggiori info ed iscrizione al Leather Innovation Challenges 2025 clicca qui.

Il Programma Divulgazione scientifica 2020
Il Programma Divulgazione scientifica 2020

La Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti, unico organismo di ricerca nazionale, ha attivato nuovi programmi di ricerca per il triennio 2020-2022 con lo scopo di mettere a punto tecnologie innovative, di processo e di prodotto, e di riduzione dell’impatto ambientale anche attraverso delle partnership scientifiche con le Università e con gli istituti del CNR.

Centro di eccellenza nel Comprensorio Olivetti di Pozzuoli in onda su Rai 2
Centro di eccellenza nel Comprensorio Olivetti di Pozzuoli in onda su Rai 2

“La Stazione Sperimentale per l’industria delle Pelli e delle Materie Concianti, quale centro di ricerca d’eccellenza per la concia delle pelli con metodi ecosostenibili”, questo il titolo del servizio girato presso la sede SSIP nel Comprensorio Olivetti di Pozzuoli in onda su Rai 2, trasmesso nell’ambito del programma Storie – Racconti della Settimana, settimanale di approfondimento Tg2 Dossier.

Giornata formativa per le tirocinanti dell’Università Vanvitelli
Giornata formativa per le tirocinanti dell’Università Vanvitelli

La Stazione Sperimentale, mediante l’area del Politecnico del cuoio, e l’Università Vanvitelli grazie alla sottoscrizione della Convenzione stipulata lo scorso anno, hanno la possibilità di promuovere tirocini di formazione ed orientamenti in impresa a beneficio degli studenti.

La SSIP al fine di agevolare le scelte professionali degli studenti con la conoscenza diretta del settore conciario e la realizzazione di momenti di alternanza tra studio e lavoro ospita due tirocinanti, Mariagiovanna Iazzetta e Lucia Duro, entrambe iscritte al corso di studio “Design per la Moda” dell’Università Vanvitelli.

 

“Nella storia della moda, un materiale in particolare è stato tramandato nel tempo e mantenuto nonostante il susseguirsi delle varie tendenze e tipologie di stili. Si tratta appunto della pelle, che ancora oggi è il materiale più versatile, sofisticato e resistente ai molteplici tipi di lavorazione, che la natura ci restituisce; tanto è vero che il settore Moda e Design non ci hai mai rinunciato durante la sua storia millenaria!”

Le studentesse durante il loro tirocinio in SSIP hanno partecipato alla giornata formativa: “Tecniche di Studio e Ricerche Articoli Moda“, con il supporto di Arturo Cioce, svoltasi presso la conceria “Gargiulo Leather srl” a Casandrino (Napoli) e il guantificio “Gala Gloves” Casavatore (Napoli).

 

Dopo la visita del reparto di produzione della conceria, che ha permesso alle tirocinanti di comprendere i processi di selezione delle pelli, le operazioni meccaniche, la concia, la tintura ecc. Il Direttore Commerciale, Barbara Gargiulo, ha illustrato lo showroom e spiegato come le aziende conciarie sviluppano articoli in funzione delle Tendenze Moda.

Sono state presentate alcune novità divulgate durante l’ultima fiera Linea Pelle a Milano, e le strategie messe  punto per migliorarsi e portare l’azienda sempre ad un livello superiore, mantenendo elevati standard di qualità e utilizzando materiali premium.

 

In questo contesto le professioni creative intervengono lungo tutto l’arco della filiera. Se prendiamo ad esempio il ciclo produttivo stagionale, si comincia dai produttori di cuoio e pelle che con grande anticipo sulla stazione di vendita dell’abbigliamento e accessori (fino a 24 mesi) sviluppano le prime idee sulle tendenze dei colori.

 

Nel pomeriggio, il titolare Alessandro Pellone, del guantificio “Gala Gloves srl” ci ha aperto le porte del suo laboratorio dove è stato possibile ammirare la realizzazione di un guanto di pelle, fatto a mano, e che segue un percorso di lavorazione ben preciso: misurazione della mano, selezione della forma, del pellame e dei singoli dettagli e materiali abbinati.

 

Per il settore della moda, l’interlocutore interno all’azienda, riveste un ruolo cruciale perché conosce la dinamica del mercato e quindi interviene e dà gli input per quanto riguarda lo sviluppo prodotto.

 

Man mano che si scende lungo la filiera produttiva, cresce l’incidenza delle componenti creative ed immateriali rispetto a quelle materiali ed industriali. Ma lo sviluppo creativo a valle ha come presupposto il lavoro e l’industrializzazione nelle fasi a monte.

D’altro canto, il cliente in questo guantificio ha l’opportunità di personalizzare il proprio guanto. La manifattura di questo accessorio può richiedere fino ad un mese di lavorazione, vista la rigorosa attenzione per i dettagli. Il risultato finale sarà, appunto,un guanto unico nel suo genere poiché è frutto del connubio tra ingegno, manualità umana e tradizione.

 

Ricordiamoci che il “Made in Italy” si basa fondamentalmente sulla capacità di creare un capo di abbigliamento o un accessorio, particolarmente curato dal punto di vista dello stile, della confezione, della vestibilità e delle materie prima, e tecnicamente ineccepibile.

 

Stazione Sperimentale e Galilei di Arzignano, si rilancia
Stazione Sperimentale e Galilei di Arzignano, si rilancia

Siglata la nuova convenzione tra la Stazione Sperimentale e l’ITTE Galilei per rafforzare la sinergia e la collaborazione tra i due enti a sostegno del distretto di Arzignano e degli studenti dell’indirizzo “Tecnologie del Cuoio”.

 

Gli obiettivi perseguiti con l’accordo, stipulato nell’ambito del Politecnico del Cuoio che ha un presidio fisico presso il Galilei, riguardano in primo luogo la pianificazione di attività didattico formative da svolgere con le nuove attrezzature presenti nella Conceria Sperimentale e nei laboratori dell’Istituto Galilei, di proprietà della Stazione Sperimentale e concesse in comodato d’uso gratuito all’istituto, allo scopo di favorire una migliore conoscenza pratica e tecnico analitica da parte degli studenti del Galilei, che costituiranno il futuro della filiera conciaria; la pianificazione e la gestione di attività extracurricolari ad alta specializzazione, di giornate di studio e di orientamento e l’organizzazione di visite didattiche, che siano di interesse per il rafforzamento della cultura tecnica del materiale.

 

“L’istituto Tecnico Tecnologico G. Galilei ha firmato con soddisfazione il rinnovo della convenzione con la SSIP per attività di collaborazione scientifica e di supporto alla didattica. Con questo accordo, che prevede anche la riqualificazione delle attrezzature della conceria sperimentale ed una serie di attività di studio e di ricerca, si vuole offrire, agli studenti dell’ITTE G. Galilei, un’importante opportunità formativa e al personale docente coinvolto, una più completa valorizzazione professionale. La Scuola accoglie con entusiasmo valide proposte di collaborazione finalizzate a favorire lo sviluppo di competenze nei futuri tecnici specializzati della filiera conciaria, sforzando di rispondere alle richieste delle aziende del territorio” dichiara la dirigente scolastico Lucia Grico.

 


“La novità importante – dichiara il Direttore Generale della Stazione Sperimentale, Edoardo Imperiale – è l’avvio a breve della progettazione di un laboratorio della Stazione Sperimentale all’interno dell’istituto, per l’erogazione dei servizi alle imprese, quali analisi sul cuoio o prodotti chimici ed altre analisi per le aziende meno strutturate che necessitano di un maggior supporto. I nuovi laboratori saranno in grado di supportare le imprese interessate a specifici programmi di innovazione”.

 

Minimum 4 characters