Tag: its

Il Roadshow degli ITS di Confindustria fa tappa alla SSIP
Il Roadshow degli ITS di Confindustria fa tappa alla SSIP

Gli Its sono fondamentali per il futuro, sono la traiettoria di crescita per il Paese”. Così il vice Presidente di Confindustria, con delega al Capitale umano, Giovanni Brugnoli, in vista alla SSIP che ha il suo headquarter nel comprensorio Olivetti di Pozzuoli.

L’ITS per Innovation Leather Manager in visita a Solofra
L’ITS per Innovation Leather Manager in visita a Solofra

I giovani studenti dell’ITS per Innovation Leather Manager, ospitato nell’headquarter della Stazione Sperimentale Pelli nel comprensorio Olivetti di Pozzuoli, sono stati in visita a Solofra, nel cuore del distretto conciario.

L’ITS Mia Moda Campania diploma i suoi primi dieci allievi
L’ITS Mia Moda Campania diploma i suoi primi dieci allievi

L’ITS MIA MODA CAMPANA DIPLOMA I SUOI PRIMI 10 ALLIEVI

Sono i supertecnici della scienza e della cultura delle pelli e dei nuovi materiali formati sotto la guida di SSIP

 

Ecco i primi dieci campani, un’età tra i 20 e i 35 anni, da qualche giorno sono dei superspecializzati.

ITS Moda Campania: al via il bando per la formazione degli Innovation Leather Manager del futuro
ITS Moda Campania: al via il bando per la formazione degli Innovation Leather Manager del futuro

Al via il nuovo corso ITS lanciato dalla Fondazione ITS Moda Campania, di cui la Stazione Sperimentale è tra i soci fondatori. La presentazione avvenuta alla Camera di Commercio di Napoli con il Presidente Ciro Fiola, con Fabrizio Luongo, presidente ‘Si Impresa’, con il direttore generale della SSIP Edoardo Imperiale e con Carlo Palmieri, Fondazione ITS Moda Campania. 

L’iniziativa si pone come obiettivo quello di far nascere la figura dell’Innovation Leather Manager, per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi sostenibili nella filiera dei prodotti in pelle con un approccio di filiera attento anche agli aspetti del recupero, dell’up-cycling, della nobilitazione.

 

Il bando di selezione per l’ammissione al corso “Tecnico superiore per il coordinamento di processo di qualità, sostenibilità ed innovazione tecnologica nella filiera dei prodotti in pelle’ pubblicato in data sul sito della Fondazione MIA www.miafondazioneits.it, è rivolto a giovani e adulti con età tra 18 e 35 anni.

È gratuito ed è finanziato dal Miur e dalla Regione Campania.  

 

Il Corso biennale e gratuito, che prevede una durata complessiva di 1800 (di cui 1080 ore di aula e laboratori pratici e 720 ore di stage curriculare), si svolgerà presso la sede della Stazione Sperimentale per l’Industria delle pelli e delle materie concianti, all’interno del  Comprensorio Adriano Olivetti  sito in Pozzuoli (NA) e nelle sedi dei Soci della Fondazione. I tirocini curriculari si svolgeranno presso le Aziende socie dell’ITS ed altre Aziende della filiera Moda.

Lo sviluppo di conoscenze specifiche, unitamente a quelle trasversali, consentirà una collocazione della figura professionale in uscita anche nelle divisioni “Ricerca & Sviluppo”, “Sostenibilità”, “Controllo qualità”, “Product management” e “Innovation Management”, oltre che negli uffici di pianificazione strategica aziendale.

 

Ciro Fiola, presidente della Camera di Commercio, ha dichiarato: “Noi dovremmo incentivare ancora di più questo sistema di formazione che è alla base di tutto. In Italia, non solo in Campania, spendiamo migliaia di euro per la formazione che difficilmente forma i ragazzi. Puntiamo a un sistema virtuoso con gli Its ma anche con la Stazione Sperimentale Pelli di cui la Camera di Commercio è socio”.

Abbiamo – ha aggiunto – che vogliamo investire in questa nuova modalità di fare formazione, sia attraverso questa realtà che ha laboratori eccezionali nella sede di Pozzuoli, ma anche attraverso le aziende perché i ragazzi devono stare nelle aziende. Un po’ come avviene in qualche altro paese europeo. Noi non dobbiamo sperperare i soldi della formazione è la base sulla quale si possono costruire le certezze dei giovani che poi devono essere inseriti nel mondo del lavoro. Non dobbiamo fare la formazione dei certificati perché altrimenti quando i ragazzi vanno a fare i colloqui presentano solo i certificati. La Stazione Sperimentale Pelli sicuramente è un’eccellenza, che deve essere da esempio. Dobbiamo però insistere anche in altri settori, come la gastronomia. Un vanto italiano che deve potersi giovare di giovani interpreti formati affinché, nei ristoranti, nelle pizzerie, ci siano nuovi e straordinari interpreti della dieta mediterranea”.

 

Con questo corso ITS lanciato dalla Fondazione ITS Moda Campania continua – ha sottolineato Carlo Palmieri, presidente della Fondazione – un percorso di alta formazione nel solco di un nuovo approccio, non solo italiano ma europeo. Le professionalità formate sono fondamentali per i cambiamenti che affrontano le aziende”.

 

Ed è Serena Iossa, della SSIP, a concludere “Il nuovo corso formerà la figura dell’Innovation Leather Manager per la ricerca e lo sviluppo di prodotti sostenibili nella filiera pelle in un’ ottica innovativa e 4.0. Abbiamo fatto tesoro dell’esperienza passata che è in fase di conclusione

 

Distretto di Arzignano – nuove opportunità per gli studenti dell’indirizzo Tecnologie del Cuoio e per i loro docenti
Distretto di Arzignano – nuove opportunità per gli studenti dell’indirizzo Tecnologie del Cuoio e per i loro docenti

L’anno scolastico 2020-2021, iniziato con i gravi danni strutturali causati dal maltempo di fine agosto, e proseguito con tutti i disagi legati alla pandemia da Covid-19, sta riservando all’Istituto Galilei di Arzignano la possibilità di una collaborazione unica nel suo genere. Insieme alla Stazione Sperimentale per l’industria delle Pelli e delle Materie Concianti, porterà studenti e docenti del corso di Tecnologie del Cuoio e del corso di Biotecnologie Ambientali ad avere la singolare opportunità di svolgere, unitamente al personale del SSIP una serie di progetti di studio e ricerca che durerà da dicembre 2020 a tutto aprile del 2021.

 

I cinque progetti proposti coinvolgeranno studenti del triennio del corso di Tecnologie del Cuoio e studenti di classe quarta e quinta del corso di Biotecnologie ambientali, oltre ai docenti delle materie tecniche degli stessi indirizzi.

Per gli studenti i progetti andranno a ricadere a pieno titolo nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO), per i docenti, invece, saranno corsi di aggiornamento professionale.

Per le classi terze dell’indirizzo di Tecnologie del Cuoio, l’attività proposta riguarda la sperimentazione di un innovativo metodo per la depilazione con successivo recupero del pelo, tecnologia che ha lo scopo di ridurre la produzione di fanghi e di permettere il riutilizzo come materia prima secondaria degli scarti di lavorazione.

Le classi quarte del medesimo indirizzo utilizzeranno la strumentazione analitica presente nel laboratorio di analitica per studiare il grado di reticolazione e determinare le condizioni ottimali di concia wet-white, una concia libera da metalli pesanti. 

Agli studenti di classe quinta si intende fornire le nozioni necessarie all’utilizzo della strumentazione dedicata a saggi e prove fisiche per testare la resistenza della pelle lavorata alle sfide più recenti, come ad esempio l’utilizzo sempre più massiccio di sostanze e prodotti sanificanti a base alcolica su ogni tipo di pelle, da quella destinata alla calzatura, alla carrozzeria, all’arredamento e all’abbigliamento.

 

Gli studenti di classe quarta del corso di Biotecnologie ambientali potranno assistere alla realizzazione di sintesi organiche di ingrassi in emulsione acquosa, al loro controllo qualità e caratterizzazione chimica.

Per gli studenti di classe quinta ambientale, infine, il progetto mira alla caratterizzazione di polimeri tramite HPLC ad esclusione sterica e light scattering detector, per la determinazione del loro peso molecolare medio.

 

Le attività proposte daranno l’opportunità, agli studenti e docenti, di realizzare il “learning by doing”, essendo coinvolti in progetti altamente professionalizzanti. L’Istituto Galilei la SSIP credono che la collaborazione tra queste due realtà potrà portare a formare tecnici più consapevoli, preparati ad affrontare le sfide che ci riserva il futuro.

“Per la Stazione Sperimentale è una sfida strategica” dice Edoardo Imperiale, Direttore Generale della Stazione che ricorda come “L’ulteriore rafforzamento e sviluppo dell’accordo con il Galilei, diventato un modello di intervento che stiamo replicando con gli istituti scolastici negli altri distretti conciari, è costruzione del futuro, è attività centrale per gli studenti, è servizio concreto per lo sviluppo delle nuove competenze per le  imprese  che operano nei distretti

 

Marco Nogarole

Responsabile Tecnico del Distretto di Arzignano SSIP

Politecnico del Cuoio: iniziano gli stage per gli allievi dei corsi ITS in “Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali”
Politecnico del Cuoio: iniziano gli stage per gli allievi dei corsi ITS in “Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali”

“Mai fermarsi e soprattutto in questo periodo bisogna garantire formazione agli studenti e servizi alle imprese” così Serena Iossa, Responsabile del Politecnico del Cuoio, programma della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti, che ha tra i principali obiettivi quello di rilanciare la qualità del capitale umano nel sistema produttivo conciario italiano e diffondere la cultura tecnica e scientifica del cuoio e dei nuovi materiali, ci racconta l’avvio dell’ultima fase del  percorso ITS “Tecnico Superiore esperto in Scienza e cultura tecnica delle pelli e dei nuovi materiali”.

 

Tutti i 13 allievi del corso ITS, finanziato dalla Regione Campania e realizzato attraverso la Fondazione MIA Campania, di cui la Stazione Sperimentale è socio fondatore, hanno dunque terminato il percorso d’aula di 1080 per iniziare, entro il mese di novembre, lo stage di 720 ore c/o le aziende della filiera campane che, nonostante il periodo complesso, stanno rispondendo con entusiasmo a queste nuove forme di collaborazione e sviluppo. L’obiettivo specifico del corso è formare professionalità con competenze in materia di chimica e scienza dei materiali, con particolare riferimento alla pelle e ai relativi metodi di caratterizzazione, trasformazione e innovazione di prodotto e di processo. Una figura fondamentale per le imprese e che ci auguriamo trovi, con facilità, sbocchi occupazionali.

 

Non è stato facile arrivare a questo punto. A causa dell’emergenza sanitaria dovuta al COVID 19, abbiamo dovuto riprogrammare alcune attività del corso per consentire – dice la Iossa – agli studenti di seguire le lezioni on line, dotarli in alcuni casi di device offerti in comodato d’uso dalla Stazione Sperimentale, e tenere alto il morale dei giovani discenti, che nonostante tutto hanno continuato a credere in noi, arrivando fino alla fine.

 

Il corso è stato svolto presso la sede dell’Istituto Gregorio Ronca di Solofra, destinatario di circa 50.000 euro da parte della Fondazione MIA, per le attività di docenza, tutoraggio e gestione dei laboratori, oltre agli interventi di manutenzione svolti sui bottali della scuola, proprio al fine di consentire il buon esito del percorso.

 

Con l’Istituto Ronca la Stazione Sperimentale ha avviato un’interlocuzione formale da diversi mesi  per avviare investimenti (risorse significative mai impegnate prima ) con l’obiettivo di potenziare la Conceria Sperimentale,  istituire una sede Operativa del Politecnico del Cuoio , realizzare un prototipo di impianto di Depurazione  ed  implementare dei nuovi laboratori di processo e di analisi  in collaborazione con UNIC  al  servizio delle Imprese del Distretto Solofrano per lo svolgimento di attività finalizzate al supporto delle attività di Ricerca sperimentale, Consulenza Avanzata e Formazione,  sulla base di un modello di intervento già avvenuto negli altri due Istituti scolastici presenti  dei Distretti conciari di Arzignano e Santa Croce sull’Arno.

 

Da oltre due anni continua infatti in modo proficuo la collaborazione con l’ITTE Galilei di Arzignano, con il potenziamento della conceria sperimentale e dei laboratori didattici, e la condivisione di progetti comuni, sui temi della ricerca, dei servizi e della formazione. Proprio su quest’ultimo tema a breve sarà comunicato l’avvio di un nuovo programma congiunto. 

 

Ugualmente si procede con l’Istituto Cattaneo di Santa Croce sull’Arno in Toscana, anche grazie alla consolidata  della collaborazione con il  Polo Tecnologico Conciario (PO.TE.CO.), all’implementazione di nuovi laboratori innovativi, per favorire una migliore conoscenza pratica e tecnico-analitica degli studenti, che andranno a costituire il potenziale personale specializzato delle aziende della filiera conciaria, e si lavora alla realizzazione di programmi congiunti per attività di studio, formazione e ricerca della SSIP.

 

E rilancia il Dirigente Scolastico Giovanna Scala, con un pizzico di orgoglio e con determinazione “la scuola non si ferma e non lo fa in questo momento di grande difficoltà. È fucina di pensiero ed opportunità, ha un ruolo etico nella società”.

 

Per la Scala, che è anche il direttore didattico dell’ITS, “questa esperienza dà lustro alle vocazioni del territorio, recupera competenze e qualità. Lavoriamo costantemente per gli studenti e le imprese, per un incontro indispensabile, costruiamo lo sviluppo e diamo concrete opportunità”.

 

“La collaborazione con questi Enti e con chi conosce ed opera nel settore garantisce qualità”.

 

E fra i protagonisti della idea c’è Carlo Palmieri, il Presidente della Fondazione Mia. Manager, imprenditore di successo e visionario. Una eccellenza che sfida la crisi “ è un momento difficile ma bisogna fare” dice.

 

Questa iniziativa, che nasce dai territorio, dalle imprese e dal mondo della formazione, mette insieme la teoria e la conoscenza. È un’azione virtuosa che vuole formare risorse tecniche per metterla a disposizione della innovazione e dello sviluppo”.

 

 

 

Gaetano Amatruda

 

Ufficio Stampa SSIP

 
 
 

Minimum 4 characters